Diario di bordo ai tempi del Corona-virus

Questa lettera è stata scritta da mia sorella in un momento di liberazione….

A febbraio circa, ho sentito parlare di un virus arrivato dalla Cina, un'influenza che colpisce "maggiormente" gli anziani e le persone già debilitate.
Scherzandoci su, il mio primo pensiero è stato  che fosse una manovra da parte degli Americani...Ormai  i cinesi stanno conquistando il mondo. Il mio secondo pensiero, invece, è stato: "Bè, colpisce persone ultraottantenni", e , me ne vergogno, ma non ho badato molto alla gravità della cosa.
I giorni passano e la vita procede normalmente, sembra una delle tante notizie da Tg, ma poi se ne parla sempre di più e più seriamente.
La piscina che frequento mi contatta, mi comunica che si può fare lezione, ma senza docce, poi un altro messaggio: si può fare solo nuoto libero e poi l'ultimo: la piscina rimane chiusa.
Com'è successo? C'è confusione!!! Siamo il secondo paese dopo la Cina per numero di contagi. Mi sono persa qualcosa?
Sabato 7 marzo alle 7.30 del mattino mi reco in negozio e penso che forse il problema non è da sottovalutare. Il contagio è spaventoso!!
Allora cominciano i : no baci, no abbracci, no strette di mano, state almeno a 1 mt di distanza, lavatevi le mani, usate Amuchina etc. E' strano, le cose che prima sembravano scontate ora sono irraggiungibili.
Gli anziani non sono più solo ottantenni ma adesso sessantenni e qualcuno anche più giovane. Penso ai miei genitori. E se capitasse anche a loro? E se capitasse ad ognuno di noi?
La paura inizia ad insediarsi nella mia mente, perchè quando le cose capitano agli altri che paura hai?
E' così, siamo egoisti!
Domenica 8 marzo  io e Daniele - mio marito- decidiamo di andare a 3.466 mt, sul monte Bianco. Lontano da tutto, lontani da tutti... C'è pochissima gente e già manteniamo le distanze, c'è una sorta di imbarazzo tra gli esseri umani a stare lontani di proposito. 
Andiamo in albergo e la proprietaria è seriamente preoccupata, decidiamo di mangiare lì, anche perchè nella sala siamo gli unici commensali. Nessun contatto, è incredibile, ma il peggio deve ancora arrivare...
Lunedì 9 marzo andiamo alle terme, un altro posto desolato. Arriviamo per primi, ci misurano la febbre e ci comunicano le prime regole a cui ovviamente ci atteniamo rigorosamente. Pranziamo presto e decidiamo di andare subito via....Non ci siamo rilassati per niente.
Alle ore 19.00 Daniele ha la febbre, vado in tilt, non capisco più nulla, ma cerco di mantenere la calma. Saranno brividi di stanchezza, gli capita spesso, ma il pensiero che possa essere Covid-19 mi lacera l'anima.
Decido di parlarne con i miei e dopo cena andiamo a trovarli, ma quando sono lì mi si aggrovigliano le budella. " Ma che cavolo sto facendo?" "Perchè sono venuta qui?" "E se fossimo contagiati?"
Avrei potuto metterli a rischio....Stupida!! Stupida che sono!!
Mi rilasso, ormai sono qui, decido quindi di parlarne solo con mia madre, mio padre ha paura ed è meglio non angosciarlo. Non dimenticherò mai gli occhi sbarrati di mia madre, me li sono portata dietro per tutta la notte.
Per fortuna l'indomani la rassicuro subito, come immaginavo era solo una febbre di stanchezza, Daniele sta bene.
Nel frattempo mi chiama Marco, il mio dipendente e mi dice che ha qualche linea di febbre. Lo invito a stare a casa, ci saremmo aggiornati martedì.
Alle 21.00 il Premier Conte invita tutti i cittadini a stare a casa, se lo facciamo il Virus ci abbandonerà. Sembra un film, ma non lo è.
Dopo una notte insonne, mi reco nuovamente in negozio e d arrivano le prime disdette dai clienti. Non ho dubbi! Non voglio aspettare il decreto per parrucchieri-estetisti, è impossibile mantenere le distanze. Non posso rischiare e non solo per me, non voglio essere la causa di altri contagi.
Finisco la giornata di martedì alla bene meglio e chiudo a data da destinarsi il mio negozio.
Sono  a casa e mi sento improvvisamente sola, ma per fortuna i messaggi amorevoli dei miei clienti e colleghi di lavoro mi rincuorano.
Sono a casa da una settimana, ho pulito, ho oziato, mi sono goduta di più mio marito. Ho cucinato e ho anche scoperto di avere delle ottime doti culinarie.
Su Fb leggo tante polemiche sui politici. Io credo che Conte stia agendo bene e riesce a rassicurarmi.
Questa mattina ho fatto dei sogni strani, confusi....penso alla mia attività, ma ora è tempo di pensare prima alla salute.
Forse Dio vuole farci capire qualcosa, vuole scuoterci un attimo e poi tutto si aggiusta...
Stranamente sono tranquilla....
Qui e ora, il resto lo vedremo.....💓

Il sorriso della speranza.


Commenti

Post popolari in questo blog

LA PAURA- Sconfiggiamola insieme.

Giorni da Corona-virus